Housing Contest - Progetto case in container

Committente: Impresa Forlani Costruzioni s.r.l.
Prestazioni: Intervento edilizio di nuova realizzazione di 69 alloggi residenziali con struttura metallica globale con inserimento di container recuperati, rigenerati e riqualificati energeticamente per partecipazione a bando Regione Lombardia
Periodo: 2011 - concorso non realizzato

 

Richiedi informazioni

 


Impianti meccanici

Il progetto impiantistico ottimizza il comfort degli occupanti e minimizza i consumi energetici agendo simultaneamente sull’involucro disperdente dell’edificio e sul sistema di produzione del calore.

Il riscaldamento invernale sarà ottenuto con due pompe di calore acqua - acqua di falda ad elevatissima efficienza una per riscaldamento una per produzione di acqua calda sanitaria

L’impianto di riscaldamento è radiante con pannelli a pavimento prefabbricati con lastra metallica di ripartizione calore a ridottissimo spessore ed alta resa ed è prevista la predisposizione per la climatizzazione estiva.

L’altissima efficienza dell’impianto permette di non installare l’impianto solare termico.

Le scelte progettuali conducono ai seguenti indici di prestazione energetica dell’edificio EpH = 36,47 (kWh/mq*anno) << del valore limite di legge di 93,23 (kWh/mq*anno). 

Il progetto prevede il recupero delle acqua piovane con n. 3 vasche di accumulo da 5.000 litri cad. per irrigazione delle aree vedi di pertinenza.

 

Impianti elettrici

Al fine di ridurre al minimo i costi di gestione dell’impianto condominiale è stato previsto un sistema di illuminazione di emergenza e vie di esodo di tipo centralizzato, dotato di centralina intelligente in grado di eseguire dei test di corretto funzionamento dei corpi illuminanti e di segnalare gli eventuali malfunzionamenti.

Il progetto si orienta sulle soluzioni impiantistiche con impatto positivo sull’emissione di gas serra. E’ stato previsto un impianto di produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare. Un siffatto impianto consente di auto-produrre energia elettrica in modo pulito, di avere costi di esercizio e manutenzione minimi e di aumentare il livello qualitativo generale dell’immobile.

L’impianto proposto avrà una potenza di picco installata pari a 26 kWp in grado di garantire una produzione media annua pari a circa 25.000 kWh.

Tale impianto determina una mancata emissione di CO2 pari a circa 22.000 kg, gas derivati dalla combustione di 7,10 tonnellate equivalenti di petrolio (Tep).

Categoria Luogo Anno
Impianti e Sostenibilità / Diagnosi Energetica / Concorsi / Sostenibilità / Ingegneria / Milano (MI) - Italy 2011


Condividi sui social: