Progetto Case L'Aquila

Committente: RTI Mulazzani Italino S.p.a. Costruzioni Edili, Adria Legno Service, COAN Controsoffitti.
Prestazioni: Appalto concorso per la progettazione e la realizzazione di edifici residenziali al di sopra di piastre sismicamente isolate –Territorio Comune di L’'Aquila.
Periodo: 2009

 

Richiedi informazioni

 


Sistema costruttivo prescelto

prefabbricazione modulare in legno massiccio stratificato - ottimo rapporto tra la qualità del costruito, in termini di ecosostenibilità (Direttiva 89/106), di risparmio energetico e di flessibilità funzionale, unitamente ai ridotti tempi di esecuzione.

 

Il Sistema “LIGNOTREND”

la materia prima è ricavata dai boschi dell’Europa Centrale, gestiti secondo il principio di sostenibilità ambientale regolata dai protocolli FSC e PEFC e simili. E’ l’unico sistema costruttivo a struttura portante in legno che prevede per ogni tipo di partizione un elemento specifico: LIGNO WAND per le pareti, LIGNO DECKE per i solai e LIGNO BLOCK per il tetto. La specificità di ogni elemento permette di ottimizzare le caratteristiche prestazionali della partizione in termini di trasmittanza (parete tipo 0,20W/m²k), regolazione termoigrometrica (parete a diffusione libera – ottenuta grazie alla particolarità di incollaggio degli elementi) ed isolamento acustico (Rw 52dB).

Gli elementi sono costruiti con cavità già predisposte per ospitare all’interno del loro spessore le canalizzazioni impiantistiche, eliminando la necessità di eseguire tracce dopo la posa.

La struttura a tavole incrociate degli elementi conferisce ad essi caratteristiche statiche eccellenti permettendo al singolo elemento ed al complesso strutturale di resistere a sollecitazioni sismiche di notevole intensità.

 

Il sistema LIGNOTREND ha ottenuto il prestigioso certificato Natureplus

marchio di qualità ecologico per i materiali da costruzione  e per l’arredamento interno, costituiti da materie prime prevalentemente rinnovabili oppure da materie prime inorganiche.

Il Deutsches Institut für Bautechnik di Berlino ha riconosciuto la conformità degli elementi prefabbricati di tipo strutturale realizzati con tavole e strati di tavole incollate, rilasciando la certificazione ETA. Con questa autorizzazione viene garantita la conformità di produzione e utilizzo ai sensi delle norme: DIN1052; DIN V ENV; DIN 1055; DIN 68800; DIN 386.

 

Il Progetto

l’obiettivo che ci è posti nell’affronto del progetto è stato quello di realizzare un edificio bioclimatico, ovvero capace di regolare umidità e temperatura all’interno degli ambienti in maniera autonoma. La naturalità del sistema “LIGNOTREND” garantisce che all’interno dell’ambiente costruito non si sviluppino gas tossici, non si rilascino nell’aria particelle o gas dannosi alla salute, non vi siano radiazioni nocive per la salute dell’uomo e, soprattutto, non vi siano condizioni di formazione di umidità.

Punto di partenza quindi della proposta progettuale è stata una ricercata sinergia, efficace ed efficiente, con la tecnologia prefabbricata, cercando di ottimizzare gli spazi interni, il numero dei posti letto per ciascuna unità abitativa ed una diversificazione delle varie tipologie abitative, unitamente alla scelta di componenti tecnologici innovativi e materiali naturali (ecologici) per garantire alte prestazioni energetiche ed elevato comfort ambientale.

L’edificio insiste su una piastra tipo di dimensioni 20x55 metri ed è costituito da tre piani con copertura piana a verde estensivo (sedum in varietà ed erbacee perenni), in grado di accogliere tutta l’impiantistica (recuperatori di calore, pannelli solari per produzione di acqua calda e, in futuro, pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica).

Il tetto verde oltre ad avere delle evidenti peculiarità per il collocamento degli impianti, contribuisce al benessere termoigrometrico dell’edificio, specialmente nei periodi più caldi, vista la sua bassa capacità termica, infatti, la struttura non accumula calore e quindi nelle soleggiate giornate estive si ha una notevole riduzione dei picchi di calore all’interno degli alloggi sottostanti che, soprattutto nelle ore serali, potranno garantire un “comfort” più elevato rispetto a soluzioni più tradizionali.

La soluzione del tetto verde, con bassi valori di trasmittanza termica della copertura (0,11 W/mq°K) garantisce una consistente riduzione delle dispersioni invernali.

L’edificio ha una dimensione di ingombro pari a 12,30x54,30 metri ed è stato progettato su una griglia modulare di metri 6x6. L’altezza interpiano netta di ciascuna unità abitativa è di metri 2,70.

I collegamenti verticali sono assicurati da due vani scala con struttura in acciaio rivestita con elementi lignei e pavimentata con lastre di “travertino”. Le scale sono coperte da una struttura leggera in acciaio e vetro.

È stata predisposta ed individuata la possibilità di installare un elevatore/ascensore che consenta il collegamento tra i tre piani abitati. Si ipotizza una struttura metallica rivestita in vetro, di idonee dimensioni atta ad ospitare sia elevatori tipo “Domus Lift” (fossa necessaria 120 mm) che ascensori speciali.

Superficie lorda equivalente dell’intervento: 1.787,77 mq

 

Tipologie

n°6 tipologie abitative per complessivi n°26 alloggi e n°86 posti letto, così suddivisi:

-          Piano terra:n°4 unità da 2 posti letto; n°6 unità da 3 posti letto.
-          Piano  primo: n°6 unità da 4 posti letto; n°2 unità da 3 posti letto
-          Piano  secondo: n°6 unità da 4 posti letto; n°2 unità da 3 posti letto

Tutte le unità abitative soddisfano il D.M. 236/1989, a riguardo della visitabilità e dell’adattabilità, pensando alla possibile fruizione da parte di popolazione portatrice di handicap motori, anche temporanei.

L’immagine complessiva e volumetrica dell’edificio è caratterizzata da una parte dal gioco vivace delle cromie ad intonachino ai silicati di calcio, nelle tinte dei rossi di terra e dei beige, e dall’altra dall’uso sapiente degli elementi sporgenti, quali i balconi/logge rivestiti sulle spalle laterali con elementi lignei e coperti superiormente a creare volumi aggettanti definiti nella forma e nello spazio.

Così pure le pensiline (sempre in legno) poste ad ombreggiare le parti vetrate che non sono dotate di balconi/logge, rivestono una funzione altamente funzionale, concorrendo comunque alla definizione estetica dell’edificio.

La ricerca di un elevato risparmio energetico (scelte tecnologiche) ed acustico, unitamente allo studio dei volumi esterni e degli elementi aggettanti in grado di garantire il giusto ombreggiamento nei periodi più caldi ed in funzione dell’orientamento dell’edificio, sono l’elemento caratterizzante il progetto nella sua globalità.

Acciaio e vetro costituiranno la struttura delle scale esterne e delle relativa coperture, adattandosi elegantemente al legno, sia per l’evidente combinazione tecnologica che per l’eleganza e la semplicità delle linee.

Al piano terra, sono previste aree pertinenziali a verde. In corrispondenza della corte è stata progettata un’aiuola verde rialzata, con sedute laterali ed al centro una “magnolia” che con belle ed intense fioriture, generalmente a forma di coppa (con perianzio formato da 6-9 petali petaloidi), foglie alterne, ovali o ellittiche, perenni o decidue,  vuole essere il segno della speranza e della possibile ripresa, a cominciare proprio dalla casa, dal luogo che per eccellenza accoglie e custodisce l’uomo.

 

Prestazioni Energetiche

Impianto di riscaldamento a bassa temperatura (pannelli radianti a pavimento) posato a secco; impianto di ventilazione meccanica controllata a doppio condotto con recupero del calore (efficienza recuperatore superiore al 70%). La combinazione delle soluzioni impiantistiche e costruttive previste, fanno sì che si raggiunga un valore dell’indice di prestazione energetica di progetto Epi di 56,50 kwh/mq*anno con un miglioramento del 21,01% rispetto ai minimi fissati dal bando.

Categoria Luogo Anno
Residenziale / Ingegneria / L'Aquila (AQ) - Italy 2009


Condividi sui social: