03 Nov

Hotel Rewind Riccione: Sostenibilità e accessibilità

Grande successo per la terza tappa dell'evento Hotel Rewind a Riccione. 

Ti proponiamo il video di Hotel Rewind, un'ottima sintesi della giornata, a cui hanno preso parte il sindaco di Riccione Renata Tosi e professionisti del mondo dell'edilizia e dell'hotellerie, tra cui menzioniamo l'arch. Domenico La Gioia di Polistudio A.E.S.

 

Richiedi informazioni    

 

Guarda il video:

 

Focus

Leggi l'articolo di Hotel Rewind:

“Un’iniziativa molto stimolante perché apre gli occhi e rende veramente tangibile quella che è la nostra prima frontiera: affrontare un futuro che non deve più farci tenere gli occhi chiusi ma essere pronti e disponibili alla sostenibilità e all’accessibilità che soprattutto una città turistica deve avere”.

Queste le affermazioni di Renata Tosi a seguito della terza tappa di Hotel Rewind tenutasi lo scorso 25 ottobre al Palazzo del Turismo. Per il Sindaco di Riccione l’offerta turistica, l’accessibilità e la sostenibilità sono componenti che devono essere presenti in tutte le città italiane oltre che nelle strutture ricettive. Fare turismo è fare la città, soprattutto in un contesto come quello di Riccione in cui si è registrato nel 2017 un +4% di presenze turistiche.

Ed è proprio su questo punto che Federico Della Puppa concentra l’attenzione. Per il Docente di economia allo IUAV e Responsabile area economia&territorio Smart Land srl, un hotel consuma a persona dieci volte di più rispetto ad un utilizzo domestico. Bisogna far diventare l’offerta ricettiva “virtuosa”: il turista è in uno stato ricettivo per definizione; è alla ricerca di qualcosa di nuovo e che rispecchi il suo “stile di vita”.

Questo perché, continua Paola Pierotti Giornalista PPAN, ciò che cerchiamo in un hotel è comfort, socialità, “sentirsi a casa”. Un hotel vincente è in grado di mettere al centro la persona, è in grado di raccontare delle storie.

Ed è per questo che la creatività sui servizi correlati è fondamentale per essere competitivi. Ma la creatività, da sola, non basta. Bisogna pensare a quelli che sono i reali bisogni delle persone. In questa prospettiva si è parlato con Roberto Vitali, CEO Village for all V4A a ciascuno la sua vacanza, della necessaria attenzione che si deve prestare ad un segmento importante come quello del turismo accessibile: “stiamo parlando di circa 10 milioni di persone in Italia, 127 milioni di persone in Europa […] un vero e proprio mercato trasversale che oggi già gira nel sistema turistico italiano. […] Persone anziane, famiglie con bambini piccoli, chi ha allergie, persone che hanno disabilità motorie, sensoriali, cognitive. Ed è un segmento che oggi ha un’offerta turistica nettamente insufficiente a quella che è la vera richiesta del mercato.

È necessario parlare di “Guest Experience Inclusiva” e cioè “di cosa effettivamente possiamo offrire all’ospite”- conclude Vitali. Il rispetto della norma non implica necessariamente il rispetto delle esigenze dei clienti Elena Stoppioni, Presidente Cdo Edilizia, si è soffermata sull’importanza di curare l’aspetto acustico degli hotel; e ancora Leopoldo Busa, Architetto esperto in qualità dell’aria indoor, ha illustrato l’importanza del comfort inteso come qualità dell’aria indoor.

Mario Nocera dell’Unità Tecnica Efficienza Energetica ENEA - Agenzia nazionale nuove tecnologie, energia e sostenibilità, ha evidenziato le opportunità reali offerte dai meccanismi di incentivazione per le strutture ricettive. Ma come è possibile mettere in sinergia questi tre elementi? È Domenico La Gioia, A.D. Polistudio - architecture & engineering a dimostrarlo con due importanti casi studio. 

 

Richiedi informazioni    

 

Scarica gli atti degli interventi

 


Condividi sui social: