ACER San Giovanni in Marignano (RN)

Committente: Azienda Casa Emilia Romagna di Rimini
Prestazioni: Progetto di edificio ecosostenibile ad alta efficienza energetica. Alloggi per anziani in Comune di San Giovanni in Marignano (RN). 
Periodo: 2007-2014

 

Richiedi informazioni

 


L’intervento si colloca nel comune di San Giovanni in Marignano, in un’area caratterizzata dall’elevata dotazione di servizi e da un’elevata qualità paesaggistica e ambientale.

Determinante per lo sviluppo del progetto, dal punto di vista funzionale e compositivo, è stata l’obbligatorietà, ai fini dell’ottenimento del finanziamento Regionale, del soddisfacimento di tutti i Requisiti Volontari per la Bioarchitettura, secondo le procedure e le prestazioni previste nella DGR 21/2001, oltre al rispetto del requisito della accessibilità ai sensi dell’art. 3.1. del D.M. 14 giugno 1989, n. 236 e della Direttiva per Anziani della D.G.R. n. 270/2000.

Il progetto prevede la realizzazione di un edificio in linea di tre piani fuori terra, per una superficie complessiva totale pari a 1.050 mq, comprendente dieci alloggi di superficie utile netta pari a circa 75 mq, con le rispettive cantine, posti auto esterni e uno spazio polivalente comune, di cui si ipotizza una gestione combinata con la vicina R.S.A.

L’attenzione ai principi guida della bioarchitettura, rapportati all’esigenza di soddisfacimento dei Requisiti Volontari, ha determinato la morfologia del fabbricato e il suo posizionamento all’interno dell’area di progetto, con i fronti principali parzialmente inclinati per consentire l’orientamento in direzione N/S o sull’asse eliotermico (18° N/W).

Sul fronte sud, la facciata principale dell’edificio, sono disposti gli ambienti “living”, con ampie logge e vetrate protette da appositi sistemi di schermatura,  che consentono l’adeguato riparo dall’irradiazione estiva e lasciano penetrare i raggi solari in inverno, nell’ottica del soddisfacimento dei requisiti volontari inerenti il risparmio energetico e la fruizione degli apporti energetici gratuiti.

Le ampie aperture della facciata a sud si contrappongono alle finestre di dimensioni più ridotte, della facciata nord, dove si dispongono camere da letto e servizi. L’esposizione contrapposta, N/S, consente di poter usufruire di un ricircolo d’aria tale da favorire, in estate, il raffrescamento degli ambienti mediante captazione dell’aria dal lato nord, più fresco (ventilazione incrociata). Tale metodo, di tipo  manuale, è stato integrato con una ventilazione di tipo meccanico con recupero di calore, per facilitare un’utenza anziana.

Una muratura dal forte spessore, adeguatamente coibentata e con una particolare attenzione alla trattazione dei ponti termici, garantisce alti livelli di prestazione e una riduzione del fabbisogno di combustibile per il riscaldamento invernale, in ottemperanza alle vigenti normative (D.Lgs 311/06) e alle richieste dei Requisiti Volontari. Un involucro dalla massa elevata inoltre, favorisce un alto fattore di inerzia termica, fondamentale per aumentare il confort dell’appartamento nel periodo estivo.

Le coperture sono a falde inclinate tali da consentire l’installazione di un’adeguata superficie di pannelli solari, così da coprire l’intero fabbisogno energetico dell’organismo edilizio per il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria, nel periodo in cui l’impianto di riscaldamento, centralizzato, non è attivo.

L’attenzione all’uso razionale dell’energia e l’utilizzo di fonti energetiche alternative, combinate con l’uso di materiali e tecnologie biocompatibili, fa sì che l’intervento si proponga con un livello di qualità urbana e tecnologica elevata, a costi contenuti.

Categoria Luogo Anno
Residenziale / Impianti e Sostenibilità / Diagnosi Energetica / Sostenibilità / Ingegneria / Rimini (RN) - Italy 2007


Condividi sui social: